Asso di Spade


Vai ai contenuti

Menu principale:


Daniele

Club > Soci

Daniele "il più grande collezionista pelato di Cassano al mondo" Giombelli

Classe 1966, sono nato a Cassano Magnago in provincia di Varese e da quando mi ricordo, sono da sempre appassionato di mezzi militari e di aerei in particolare.

Visto che ai miei tempi, gli anni settanta del secolo scorso, l’unico modo per riprodurre i velivoli che mi facevano sognare erano le mitiche bustine “Airfix”, ne ho comprate a decine arrivando a fare la cresta sui resti della spesa che mia madre mi incaricava di fare, con un pizzico di incoscienza aggiungo io.
Ovviamente i miei genitori sapevano di questo mio vizio, ma pensavano che col tempo sarebbe passato, ma invece a 43 anni suonati sono ancora qui a parlare del mio hobby.


Comunque per tornare alla mia fanciullezza e al giurassico, era ovvio (almeno nelle intenzioni del sottoscritto) che il mio futuro fosse ”in tuta anti-G”, a pilotare jet in missioni solitarie contro i cattivi, rigorosamente “sovietici” (…che volete, sono il tipico prodotto della guerra fredda).
Dato che i modellini/giocattoli servivano a rappresentare le battaglie della mia fantasia, volevo che fossero il più possibile somiglianti a quelli veri, rifiutando quelli che avevano dettagli grossolani o dimensioni differenti, avvicinandomi inconsciamente al modellismo statico.

Dopo aver conosciuto le bustine passai ai kit della Matchbox, che avevano il pregio di costare poco nella loro plastica orrendamente precolorata, con le pennellature degne di raffigurare delle trincee in scala 1/1, ma di essere irresistibilmente attraenti nei soggetti.
Gli anni ottanta furono anni di svolta per il nostro hobby, con la comparsa di marche e kit di nuova concezione, la pubblicazione di riviste specializzate che mostravano tecniche e lavori di veri e propri artisti, che dispensavano consigli e che contribuirono a diffondere “il sacro fuoco dello stirene” alla massa informe di incollatori di plastica come il sottoscritto (i più “vecchi” si ricorderanno sicuramente le fantastiche fotografie a corredo del catalogo Italaeri, allora si chiamava così, di un certo Francoise Verlinden).

Ormai abbandonata la speranza di vestire in “tuta anti-G”, negli anni novanta feci la conoscenza di altri “sniffatori” di colla, iscrivendomi ad un club IPMS, i quali oltre a diventare degli amici che condividevano la mia stessa passione, mi fecero crescere modellisticamente, scambiando idee e consigli su nuove tecniche di montaggio, rudimenti di super dettaglio e autocostruzione e colorazione, insomma una vera e propria “tempesta ormonale” del modellismo.
Poi come succede per molti, arriva una sorta di infinito anno sabbatico, con un fermo intervallato da sporadici impulsi creativi, insomma mi sono sposato, sono diventato padre, ma ho continuato a leggere, mettendo in pratica quello che sapevo con quello che apprendevo, facendo qualche modello ogni tanto e accatastando centinaia di scatole negli scaffali in garage.

Poi nuovi impulsi da nuovi Amici, l’iscrizione ad un altro club (Asso di Spade) e la ripresa (…lenta, estremamente lenta, come mi rinfacciano i soci) nel fare modellismo.
Anche se principalmente “aeroplanaro”, non disdegno fare qualche carro…mentre per i figurini…mah!
Ho inoltre la fortuna di aver visitato i musei di carattere militare di mezza Europa con altri maniaci, accumulando migliaia di fotografie dei soggetti aerei e terrestri più disparati, un vero e proprio archivio che aspetta solo una cosa: essere consultato per creare modelli.

Home | Club | Modelli | Mostra | Attività interne | Attività esterne | Contatti | Agenda | Links | Aggiornamenti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu