Asso di Spade


Vai ai contenuti

Menu principale:


Fiat CR.25

Modelli > Aerei > Scala 1:72

Fiat CR.25
173a Squadriglia Ricognizione Strategica Terrestre
Boccadifalco (PA), 1941
Regia Aeronautica
Special Hobby 1:72
(di Dario Tenderini)

Elegante bimotore disegnato da Celestino Rosatelli per il concorso ministeriale del 1937 riguardante la specialità caccia-combattimento, il Fiat CR.25 risultò però non rispondente alle specifiche per la bassa velocità massima. All'atto pratico risultò invece molto affidabile per la scorta ai convogli. Oltre ai due prototipi MM.332 e 333, soltanto altri 8 velivoli furono realizzati ed ultimati entri i primi mesi del 1940. Erano dotati di due motori Fiat A. 74 RC 38 e montavano due mitragliatrici da 12,7 mm in prua ed una di pari calibro nella torretta dorsale.
Il primo esemplare di serie (MM.3651) venne modificato ad uso dell'addetto aeronautico a Berlino, distinguendosi per la mancanza della vetratura laterale a prua e della torretta dorsale.

Passando al modello della Special Hobby in 1/72, la prima operazione è stata quella di dettagliare gli interni della cabina di pilotaggio, alquanto spoglia, autocostruendo le fiancate e realizzando l'intero traliccio metallico della zona puntatore con fili d'ottone da 0,2 mm giuntati con colla cianoacrilica (due serate di lavoro per 2 cm di realizzazione...).
Eliminati alcuni divisori all'interno della fusoliera in quanto non esistenti nel velivolo reale, ho provveduto a costruire integralmente il traliccio tubolare interno con filo d'ottone da 0,6 mm.
Verniciati gli interni con il classico verde anticorrosione (23 + una punta di 30 Humbrol), sono passato a chiudere le due semifusoliere e stuccare dove necessario. L'operazione più difficile è stata far combaciare perfettamente la vetratura trasparente con il resto della fusoliera, essendo la prima di svariati decimi più larga della seconda. Carta vetrata finissima e molta pazienza onde evitare di graffiare il trasparente.

Stuccato quest'ultimo ed il tettucio dell'abitacolo, sono passato finalmente alla verniciatura: superfici inferiori in Grigio Mimetico (140 Humbrol), superfici superiori in Giallo Mimetico 3 (63 Humbrol) con sovrapposte macchie di Verde Mimetico 3 (117 Humbrol) e Marrone Mimetico 2 (70 Humbrol).
Parallelamente provvedevo ad assemblare i due motori in resina, dettagliandoli con cavi candele, aste delle valvole e tubi di scarico. Nella fase di montaggio degli stessi alle gondole, provvedevo a richiudere con la Naca (in Verde Mimetico 3) solo uno dei due motori, optando per lasciare il secondo completamente a vista e privo di elica, come se fosse in manutenzione.
Il soggetto preso in esame è il 173-7 della 173a Squadriglia Ricognizione Strategica Terrestre (RST) basato a Palermo Boccadifalco nell'aprile 1941. Esso si distingueva dagli altri in quanto aveva uno dei due portelli del vano mitragliatrice di prua in metallo naturale.
Decals con scritte e stemmi tratte dai fogli della Tauromodel.

Il modello è stato premiato con una medaglia d'argento ed un Premio Speciale in diversi concorsi modellistici a livello nazionale.

Home | Club | Modelli | Mostra | Attività interne | Attività esterne | Contatti | Agenda | Links | Aggiornamenti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu