Asso di Spade


Vai ai contenuti

Menu principale:


Gianluigi

Club > Soci

Gianluigi "Gigi" Tonero

Nasco in provincia di Varese nel 1952, ma per via della professione del padre, militare di carriera, trascorro la mia beata infanzia a Milano dove, dopo qualche anno, scopro la passione per il modellismo. Ma erano altri tempi e non c’erano tutte quelle belle cose che ci sono adesso per cui il mio modellismo si limitava ad incollare su cartoncino le sagome degli aerei ritagliati dal Corriere dei Piccoli o costruire piccole barche piegando fogli di carta e… tanto fantasticare.

Poi un bel giorno scopro un negozio di giocattoli in via Blignì e con i risparmi delle paghette settimanali (ben 50 Lire, passate a 100 con il passare degli anni e con gli aumenti di stipendio del papà) compro il mio primo modello, se non ricordo male un PBY Catalina della Monogram, all’astronomica cifra di 500 Lire messe da parte risparmiando sulle cicche, farina di castagne, stringhe e gazzosa all’Oratorio di S. Eufemia.

Con il passare degli anni ho barcollato un po’ tra un modellismo all’altro, prima aerei ad elastico che cercavo di far volare buttandoli dal porticato del secondo piano della caserma di Varese, che si schiantavano regolarmente nel cortile, con gran gioia di quel cane trovatello che i soldati avevano chiamato speranzosamente “Congedo”, poi qualche nave e barca a vela naufragata nel lago di Varese… Da qui in poi ho capito che era meglio stare sullo statico: si evitavano brutte figure in pubblico e non si perdevano i modelli.

Dopo altre sbandate modellistiche ho deciso, spinto dalla passione per l’argomento, di tentare la ricostruzione storica del trasporto sanitario da Napoleone in poi, in scala 1:35 (Historex a parte). La raccolta al momento è di circa 40 modelli che saranno visibili tra non molto (settembre 2010) sul sito del Comitato Locale della Croce Rossa Italiana di Varese, grazie all’aiuto del più grande modellista/fotografo pelato dell’Asso di Spade, oltre che naturalmente nelle pagine dedicate ai miei modelli sul presente sito.

Chi andrà a visitare la mia collezione noterà lo sguardo assente e vuoto dei pupazzetti che abitano alcuni modelli e rileverà una certa somiglianza con il bambino della foto: sono passati tanti anni da quando è stata scattata, tante cose sono successe, tanti capelli sono caduti e quelli rimasti sono oramai quasi tutti bianchi, lo sguardo non è cambiato granchè ed è forse anche per questo che mi diverto ancora molto.

Dalle foto si nota una discreta libreria e, nelle vetrinette al riparo da polvere, moglie, amici e loro figli, una discreta collezione di Land Rover (328 pezzi) e di soldatini di piombo pazientemente raccolti in edicola (1130).


Home | Club | Modelli | Mostra | Attività interne | Attività esterne | Contatti | Agenda | Links | Aggiornamenti | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu